More stories

  • in

    Riprendere il docking tra SpaceX Crew-1 e ISS dal giardino di casa

    Con la missione SpaceX Crew-1 che ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale negli scorsi giorni, abbiamo visto moltissime immagini stupende riprese da diverse angolazioni. Sia dallo Spazio che da terra facendo appassionare moltissime persone in tutto il Mondo. Ma alcune immagini sono anche più spettacolari, come quelle riprese da Philip Smith.

    SpaceX Crew-1 e ISS riprese dal giardino di casa
    Philip Smith vive a Manorville (New York) ed è appassionato di astronomia. La sua ultima impresa, che ha avuto ampia diffusione anche sui social, è stata quella di riprendere il docking tra SpaceX Crew-1 e la Stazione Spaziale Internazionale dalla Terra. Il tutto con un ottimo dettaglio considerando che non si tratta comunque di un ente o un’agenzia statale.

    Secondo quanto riportato è stato impiegato un telescopio Celestron EdgeHD 14″ con una fotocamera ZWO ASI174MM, oculare TeleVue 2X e un filtro rosso Astrodon e montatura equatoriale personalizzata per quanto riguarda sia hardware che software. Come si può vedere la capsula di SpaceX Crew-1 si trova all’estrema destra mentre la ISS, ben più grande, occupa il resto dell’immagine. Bisogna considerare che la capsula ha dimensioni tutto sommato ridotte, pari a 8,1 x 4 metri che ne rendono complessa la cattura fotografica.

    Ancora più interessante è però un’altra immagine catturata sempre da Philip Smith con lo stesso sistema (tranne l’oculare che era una TeleVue 1.8X). Si tratta del docking tra la missione SpaceX Demo-2 e la ISS avvenuto qualche mese fa. In questo caso il dettaglio è ancora più elevato permettendo di distinguere in maniera chiara i vari elementi (sempre pensando che si tratta di strumenti amatoriale utilizzati da terra). La capsula nell’immagine qui sopra si trova a sinistra (si nota il colore bianco chiaro) mentre il resto della struttura è quello della ISS. LEGGI TUTTO

  • in

    La fotografia iconica di SpaceX Crew-1 realizzata con una Canon EOS-1D X

    Abbiamo seguito la partenza della missione SpaceX Crew-1 e il suo arrivo sulla Stazione Spaziale Internazionale nelle scorse ore. Come sappiamo, tutto è andato come previsto e l’equipaggio della ISS ora può contare ben 7 tra astronauti (tre NASA e uno JAXA) e cosmonauti. Ma c’è una fotografia che è diventata “iconica” di questo lancio. Si tratta di quella scattata da Erik Kuna e diffusa sui social network.

    Click sull’immagine per ingrandire
    La fotografia della missione SpaceX Crew-1
    L’avrete vista condivisa da diversi account ed effettivamente la sua bellezza eterea è affascinante. C’è chi l’ha paragonata a un fiore e chi a un’anemone di mare. Niente di strano in realtà: non è la prima volta che un lancio produce effetti scenici (non intenzionali) di questo tipo. Alcuni anche più spettacolari.
    In generale dipende dalla tipologia di vettore, dalla sua traiettoria e dall’orario al quale avviene il lancio. Se infatti il Sole non è ancora sorto, ma è poco sotto la linea dell’orizzonte i primi raggi possono illuminare oggetti che si sollevano a grandi altitudini, proprio come il vettore Falcon 9 della missione SpaceX Crew-1.

    Inoltre Erik Kuna non è un novizio di questo genere di fotografie (essendo fotogiornalista anche per la NASA), come visibile sul suo account Instagram. Per i più curiosi, abbiamo chiesto al fotografo alcune informazioni sullo scatto ed ecco quello che ci è stato detto.
    Per la fotografia iconica della missione è stata impiegata una fotocamera DLSR full-frame Canon EOS-1D X, modello lanciato nel 2011 ma che può ancora dare molte soddisfazioni. L’ottica impiegata è una Canon EF 400mm f/2.8, anche se non abbiamo riscontro sulla generazione utilizzata da Kuna. Infine la sensibilità è stata portata fino a ben 51200 ISO (il massimo senza utilizzare l’espansione) con un tempo dell’otturatore di 1/20″. LEGGI TUTTO