in

Adobe Illustrator, InDesign e Lightroom Classic: ora sono app native per Apple M1

Come sappiamo, già da qualche tempo Adobe sta aggiornando tutta la sua suite di prodotti per supportare a pieno le potenzialità della piattaforma Apple Silicon. Questo dovrebbe permettere di avere prestazioni superiori e una migliore integrazione con l’ecosistema della società di Cupertino e con il chip Apple M1.

Una delle ultime novità in questo senso riguarda l’arrivo delle app native per Apple M1 di Illustrator, InDesign e Lightroom Classic. Questo significa che il codice è stato rivisto completamente e ottimizzato per la piattaforma così da avere un’efficienza superiore.

Adobe Illustrator, InDesign e Lightroom Classic per Apple M1

In una prova di Pfeiffer Consulting (realizzata per conto di Adobe) sono stati impiegati due Macbook Pro da 13″. Entrambe le unità avevano 16 GB di RAM, 2 TB per l’SSD, uno con Apple M1 mentre l’altro con Intel Core i5. Le prestazioni rilevate per la suite Creative Cloud parlano di un incremento prestazionale dell’83% (medio) a tutto vantaggio di Cupertino.

In tutti i contesti (da Photoshop a Illustrator o InDesign) il vantaggio in alcune operazioni è decisamente a vantaggio delle nuove soluzioni di Apple dimostrando anche come lo sviluppo software di Adobe sia stato più che positivo. Secondo quanto riportato nel blog della società “nel complesso, gli utenti di Illustrator vedranno un aumento del 65% delle prestazioni su un Mac M1 rispetto alle build Intel.Gli utenti di InDesign vedranno incrementi simili, con un miglioramento del 59% delle prestazioni complessive su Apple Silicon”.

Le altre novità di Creative Cloud

Le novità non sono comunque finite qui. Per esempio sono stati aggiunti i nuovi pennelli personalizzati in Photoshop per iPad che possono essere sincronizzati con quelli della versione desktop. Si possono scaricare nuove versioni oppure crearne a proprio piacimento e iniziare subito a utilizzarli.

Grazie alla collaborazione con fotografi famosi sono stati aggiunti nuovi profili predefiniti (70) in Camera Raw e Lightroom. Queste soluzioni sono pensate espressamente per Adobe permettendo agli utenti di dare “un tocco in più” alle proprie fotografie.

In Lightroom (versioni per Android, iOS, macOS, Windows e web) l’editing collaborativo permette ora una maggiore flessibilità di utilizzo. Questo consente di lavorare “a più mani” su un progetto anche quando si è in smart working (per esempio). Super Resolution non è più limitato a Camera Raw ma ora è disponibile anche in Lightroom e Lightroom Classic che sfruttano sempre le potenzialità dell’AI per migliorare la qualità delle immagini di partenza.

Un’ultima novità riguarda Photoshop Express che ora ha un nuovo set di funzionalità come levigatura della pelle, content aware healing, face aware liquify e caricatura. Il tutto a portata di dito (attualmente solo per iOS). Le nuove funzioni sono state introdotte dopo aver ascoltato gli utenti così da dare strumenti semplici, veloci da impiegare anche grazie alla tecnologia Sensei (Intelligenza Artificiale).


Fonte: http://feeds.fotografidigitali.it/rss_fotografia.xml


Tagcloud:

NASA Juno e l'incontro con il satellite gioviano Ganimede: le prime due fotografie

La foto di Masoud Mirzaei è la vincitrice assoluta dei Creative Photo Awards 2021